LEASING

Cos'è un Leasing

È un prodotto finanziario nel quale la società di leasing (concedente) mette a disposizione del proprio cliente (utilizzatore) un bene mobile od immobile, strumentale alla propria professione attività imprenditoriale, dietro il pagamento di un canone periodico.
Al termine del contratto, l’utilizzatore può esercitare un’opzione di riscatto del bene stesso per una cifra pattuita acquisendo così la proprietà del bene.

A chi si rivolge il Leasing

Il leasing è la forma di finanziamento ideale per professionisti, imprese e Pubblica Amministrazione che intendono disporre di beni, mobili o immobili, necessari all’attività produttiva senza intaccare le proprie disponibilità finanziarie.

leasing

Vantaggi

Snellezza e flessibilità procedurale cui si aggiunge la competitività del leasing rispetto ad altri strumenti di credito a medio/lungo termine; quindi i vantaggi del leasing sono di natura finanziaria, operativa /gestionale e fiscale:

  • Rapidità di erogazione
  • Il costo del bene viene interamente finanziato (IVA compresa frazionata nei canoni periodici)
  • Permette di personalizzare e di strutturare il contratto in relazione alle proprie necessità (in termini di durata, anticipo, periodicità dei canoni e valore finale di riscatto)
  • Maggior risparmio fiscale in quanto può consentire un ammortamento accelerato rispetto alle tabelle di ammortamento ordinario, attraverso la detraibilità dei canoni periodici (sia per la quota capitale che per la quota interessi) nell’arco della durata del contratto
  • Deduzione fiscale: è possibile anticipare la deduzione fiscale (soprattutto per il leasing immobiliare) poiché l’ammortamento del bene avviene in un numero di anni inferiore rispetto alla normativa civilistico – fiscale. Esso non può essere inferiore alla metà del periodo necessario per l’ammortamento fiscale del bene e per gli immobili non può essere inferiore ad 8 anni. Regole speciali sono previste per autoveicoli e per telefonini
  • Non intacca i rapporti di bilancio dell’azienda utilizzatrice
  • non intacca la capacità di credito dell’azienda utilizzatrice
  • Offre la disponibilità immediata del bene senza elevati esborsi iniziali.
  • Agevolazioni: consente all’azienda di accedere con tempistiche veloci alle principali leggi agevolate.
  • Flessibilità: rispetto al noleggio il leasing consente di scegliere in completa autonomia sia il bene, gli allestimenti ed il fornitore da cui acquisire il bene. Inoltre al termine della locazione in base alle condizioni contrattuali pattuite, permette di acquisire la proprietà del bene

Chi prende parte al Leasing

  • Utilizzatore è colui che sceglie e utilizza il bene nell’ambito di un’attività professionale o nell’esercizio di un’impresa e può acquisirne la proprietà al termine del contratto
  • Concedente è la società di leasing che acquista il bene scelto dall’utilizzatore, mantenendone la proprietà fino sino al momento del riscatto.
  • Fornitore è il soggetto scelto dall’utilizzatore che vende il bene al concedente.

I Beni Concessi

  • Immobili quali uffici, negozi, laboratori, capannoni, stabilimenti che possono essere già costruiti o da costruire
  • Autoveicoli targati che si distinguono in autovetture, veicoli commerciali (portata fino a 35 Q.li), veicoli commerciali e industriali (portata oltre 35 Q.li)
  • Macchine operatrici non targate
  • Beni Strumentali: macchinari, impianti ed attrezzature strumentali all’esercizio di attività dell’impresa
  • Imbarcazioni e aeromobili
  • Non possono essere finanziati il software, gli impianti elettrici e telefonici su immobili non di proprietà del concedente, in generale beni che devono essere montati o costituiscono parte integrante di un macchinario, impianto o attrezzatura che non siano già proprietà del concedente.

Gli elementi contrattuali di un'operazione di Leasing

  • Tipo del bene (per determinare la durata)
  • Costo del bene
  • Durata del contratto
  • Periodicità dei canoni che può essere mensile, bimestrale, trimestrale o semestrale
  • Anticipo: viene versato alla stipula, è rappresentato in numero di canoni o in % sul valore del bene (generalmente dal 5% al 25%).
  • Spese di istruttoria: versate alla stipula
  • Numero e importo dei canoni periodici: Possono essere indicizzati cioè legati all’andamento di un indice finanziario (euribor/euris) e trattandosi di una prestazione di servizio assoggettati all’IVA.
  • Riscatto che rappresenta una percentuale del valore originario del bene e può variare notevolmente da un minimo .dell’1% ad un maxi riscatto finale

Pagamento del Canone

è consolidato l’utilizzo del RID (Rapporti Interbancari Diretti), un sistema che permette attraverso la sottoscrizione di un apposito modulo, comune a tutte le banche Italiane, di bonificare in via continuativa gli importi contrattualmente pattuiti senza doversi recare presso la propria banca ogni mese.

Contratto indicizzato

Un contratto indicizzato è un’operazione di leasing in cui il canone periodico è legato alle variazione di un indice finanziario o valutario di riferimento. Nell’apposita clausola contrattuale viene esplicitamente indicato il parametro di riferimento (es. Euribor tre mesi), il suo valore di riferimento e le modalità di calcolo dell’adeguamento trimestrale.

Contratto tasso fisso

Un contratto a tasso fisso è un’operazione di leasing in cui il canone periodico è legato al Tasso interbancario di riferimento utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso fisso ed è pari ad una media ponderata delle quotazioni alle quali le banche operanti nell’Unione Europea realizzano l’Interest Rate Swap. E’ detto anche IRS. Il valore dell’indice IRS di riferimento è dato dal numero di anni di durata del contratto.

Istruttoria

L’istituto finanziario valuta l’affidabilità del richiedente e “il mercato potenziale” del bene finanziato.
Vengono richieste documentazioni fiscali, contabili e specifiche dell’utilizzatore.
La società di leasing potrà, in alcuni casi, richiedere delle garanzie personali (fideiussioni).
La società richiede, quasi sempre, la stipula di una polizza assicurativa con vincolo a favore della società di leasing della durata pari al contratto.
Per il leasing immobiliare l’istruttoria sarà integrata da perizia di un tecnico di fiducia e verifica catastale.

Problemi possibili durante il contratto di leasing

Se l’utilizzatore non rispetta il contratto la società avrà il diritto di risolverlo e di “riappropriarsi” del bene.
Il contratto di leasing può essere ceduto solo con l’approvazione della società di leasing .
Per danni, furti una società di leasing interagisce presso la compagnia di assicurazione per consentire la continuazione dell’attività ( in questo caso bene prevedere una polizza loss of profit ).